Salute

Massaggio prostatico per rinascere

Ecco tutti i benefici del messaggio prostatico

Cos’è il messaggio prostatico?

Il massaggio prostatico è un tipo di trattamento utile nella terapia della prostatite, questo coinvolge tre componenti dell’apparato riproduttivo maschile: la prostata (scientificamente detta ghiandola prostatica), le vescichette seminali e l’ampolla rettale.

Messaggio prostatico diretto ed indiretto

Il massaggio prostatico può avvenire sia in maniera indiretto, premendo all’esterno del corpo del paziente, al centro del perineo ovvero l’area compressa tra i testicoli e l’ano. Se il massaggio prostatico avviene in modo diretto, con il dito della mano si procede ad una serie di pressioni dirette sulla prostata, attraverso l’ano.

Origine del messaggio prostatico

Il messaggio prostatico è una pratica terapeutica che si sta diffondendo molto negli ultimi anni, trova le sue origine in Giappone. Un tempo si pensava che il massaggio rendesse l’uomo più abile nel “coito” e pertanto i Sultani di oriente ne facevano molto uso.

La medicina orientale non ha tardato ad accorgersi che questo tipo di massaggio poteva essere utile non solo al piacere erotico ma anche ad eliminare residui che si depositano nella ghiandola prostatica diminuendo la pressione quindi sull’uretra e favorendo una funzione vescicale adeguata.

Il massaggio prostatico nella medicina Occidentale

La medicina occidentale al suo interno prevede il massaggio prostatico, ed era una delle pratiche più adeguate per aiutare il paziente affetto da prostatite batterica ed abatterica, questo perché la prostatite è un processo infiammatorio della ghiandola prostatica, il più delle volte baterrica.

La prostata si ingrandisce favorendo l’irritazione delle terminazioni nervose e producendo la sensazione di dolore riducendo i livelli di desiderio sessuale e del testosterone.

I benefici del massaggio prostatica

Il massaggio della prostata tende ad effettuare un’azione drenante dei dotti prostatici ostruiti, incrementa la secrezione degli acini e dei dotti prostatici, favorisce il ripristino di una circolazione sanguigna adeguata facendo fluire ossigeno, globuli bianchi e nutrienti vitali al fine di combattere al meglio i processi infettivi.

Molte volte il massaggio prostatico in quanto facilità la penetrazione del principio attivo della molecola farmacologica all’interno dei tessuti prostatici oggetto di infezione dei relativi biofilms-batterici, aumentando quindi notevolmente l’efficacia della terapia antibiotica. Recenti studi, inoltre in Medicina mettono in risalto come questa pratica medica possa avere effetti benefici sia in caso di infertilità maschile e di ipertrofia prostatica.

Il punto L è il punto G maschile

Il punto G maschile, chiamato punto L, sappiamo dove si trova nella zona perineale nei pressi della prostata, la ghiandola resposabile della produzione di parte del liquido seminale.

La stimolazione di quest’area è una pratica chiamata massaggio prostatico i cui benefici vanno ben oltre il raggiungimento del culmine del piacere sessuale maschile.

Il massaggio prostatico infatti:

  • può far raggiungere orgasmi di un’intensità e di una durata maggiore rispetto all’orgasmo “classico”
  • amplifica il piacere sessuale ed aiuta a risolvere deficit erettivi
  • aiuta ad eliminare i residui che si accumulano nella ghiandola prostatica
  • favorisce il ripristino di un buon flusso sanguigno nell’area

Il metodo più completo ed efficace, ma anche il più delicato è il massaggio prostatico interno. Questa tecnica consiste nel massaggiare la prostata dall’interno, utilizzando un dito o sex toys. Una volta raggiunta la ghiandola prostatica, collocata a circa 5-7cm di profondità, la si potrà massaggiare con movimenti delicati e ripetitivi.

Inoltre da ricordare che tutti quei falsi miti che semplificano e banalizzano la vita sessuale maschile, l’eccitazione dell’uomo è più sfumata e complessa di quanto pensiamo. Pratiche come la stimolazione prostatica infatti devono fare i conti con fattore virilità, con i suoi stereotipi e pregiudizi, il quale può influire negativi mettendo ostacoli arbitrari al raggiungimento del benessere sessuale ed alla comprensione di sè.

Conoscersi e conoscere il proprio corpo e quello del partner, condividendo apertamente paure, insicurezze, curiosità e fantasia è un elemento fondamentale per una sessualità consapevole, libera e felice.

 

Federica Giuliano

Laureata in Scienze della Moda e del Costume alla Sapienza ed esperta nel settore fashion. Ha perfezionato i suoi studi in Web Marketing e Social-media marketing. Oggi Editor presso vari portali online

Articoli correlati