Fitness

I migliori esercizi da fare con il rullo per addominali

Tutti i consigli da seguire per utilizzare il rullo per gli addominali

Rullo per addominali: cos’è e come funziona

La ruota o il rullo per addominali è un attrezzo studiato per allenare i muscoli dell’addome, soprattutto il retto dell’addome. Si tratta di una ruota che gira attorno a un perno o mozzo, il quale prolungandosi all’esterno con delle maniglie, funge anche da impugnatura.

Rullo per addominali: a cosa serve

Il rullo per addominali è uno strumento utilissimo per rimanere in forma, dimagrire e vivere una vita lunga e sana. Se stai cercando di perdere peso, una buona dieta e un corretto protocollo di allenamento ti aiuteranno a ridurre le tanto indesiderate circonferenze di vita, cosce e fianchi. Tuttavia è necessario prestare molta attenzione al tipo di attrezzatura e all’allenamento. Gli strumenti “a basso grado” sono inefficienti e le sessioni di esercizio non opportunamente pianificate possono risultare, seppure intense, aspecifiche. In questo modo può anche aumentare il rischio di lesioni e infortuni vari.

Come si usa il rullo per addominali

La ruota per addominali serve per eseguire un esercizio caratteristico detto “rollout”.

Esecuzione del rollout:

  • Posizione di partenza: prona, ginocchia a terra, braccia stese verso il basseo, impugnando tra le mani la ruota per addominali
  • Inspirando: girare ruota in avanti, assecondando il movimento con le spalle, ma controllandolo con tutta la fascia addominale per evitare di cadere in avanti. La progressione della ruota termina quando diventa impossibile mantenere la posizione.
  • Espirando: si torna alla posizione iniziale contraendo gli addominali per flettere il busto, come avviene nel crunch, supportando il movimento con le braccia (reclutamento muscolare dei fasci bassi del gran pettorale, del gran dorsale, del gran dentato, del gran rotondo e del tricipite branchiale).

IMPORTANTE: nella seconda fase, per i novellini dello sport, le ginocchia e le anche mantengono sempre un angolo di 90°, se necessario, il corpo bascula in avanti facendo perno a terra sulle rotule. I più forti invece, possono aumentare l’angolazione fino a 135°. Lo stesso vale per l’avanzamento della ruota, all’aumentare dell’allenamento aumenta anche la distanza di rotolamento e la difficoltà nella fase 3. Nella terza fase è necessario fare molta attenzione a NON cedere curvando la schiena o lasciando “cadere” il bacino in avanti invece che dietro.

Un altro errore molto comune è quello di escludere gli addominali per il troppo affaticamento e muovere la ruota con la sola attivazione delle braccia.

Rullo per addominali: come allenarsi

L’allenamento con il rullo per addominale è essenzialmente fondato sull’esecuzione del rollout. Cambiando la difficoltà, il numero delle serie, delle ripetizioni e l’organizzazione complessiva dello schema, si possono perseguire obiettivi differenti.

  • Una tabella organizzativa IT (allenamento a intervallo) a basse o medie ripetizioni al alte intensità si presa soprattutto alla ricerca della tonificazione, del rinforzo muscolare, della forza e dell’ipertrofia. Riducendo i recuperi e aumentando la serie si pone l’accento sulla resistenza alla forza di breve durata.
  • Una tabella organizzativa in CT (allenamento a circuito): alternando il rollout a postazioni aerobiche, si possono perseguire contemporaneamente il rinforzo muscolare, il condizionamento cardiovascolare generalizzato e, perché no, anche il dimagrimento.
  • Alternando solo postazioni di esercizi anaerobici di forza resistente (ad esempio 2′ – 5′ per postazione), ovviamente, si otterrà un analogo condizionamento ma esteso a tutti i distretti dell’organismo interessati.

Il rullo per addominali : il migliore da acquistare

Con l’obiettivo di tonificare gli addominali e favorire il dimagrimento è indispensabile scegliere la migliore per uso quotidiano. Le caratteristiche essenziali sono: tipo di materiale e struttura per la robustezza e la longevità, battistrada della ruota per la facilità d’utilizzo. I materiali sono generalmente di tipo sintetico plastico, metallico o misto.

Ovviamente il metallo ha una durata quasi eterna, contrariamente ai polimeri sintetici che tendono a cristallizzare. Inoltre, con il metallo non si corre il rischio di rotture accidentali; è tuttavia più pesante e costoso. Un’altra differenza sostanziale dei materiali riguarda la composizione del battistrada, quelli gommati assicurano una maggiore presa sulle superfici dure e lisce. Dal punto di vista strutturale, è essenziale che la ruota per addominali sia ben bilanciata e che funzioni correttamente sulla maggior parte delle superfici. A tal proposito, la tendenza di certe aziende è per certi versi opposta. Alcune prediligono ruote non troppo larghe, con battistrada piatto, il che rende più complicata l’esecuzione degli esercizi anche sui muscoli obliqui e trasverso dell’addome.

Altre preferiscono ruote larghe, con battistrada arrotondato, queste se usate correttamente, non sacrificano molto il reclutamento dei muscoli stabilizzatori ma riducono il rischio di infortunio.

Una terza categoria è dotata non di una, ma di bensì due ruote sottili, di queste, certe le progettano molto vicine ed altre agli estremi opposti dell’impegnatura. Sono anche state progettate delle ruote per addominali con elastici di supporto-assistenza al movimento. Sono utili soprattutto per i neo sportivi e  possono essere esclusi con la progressione dell’allenamento. Le ruote per addominali di buona qualità hanno un cuscinetto a sfere posizionato tra il mozzo/impugnatura e la sede della ruota. Anche l’impugnatura per ragioni di comfort può fare la differenza. Quelle ergonomiche sono le migliori, di spugna offrono grande comodità e facilità di presa ma hanno poca durata. Quelle di gomma sono un buon compromesso.

Oltre a questi modelli, ci sono anche i manubri separati, in tutto simili ai normali pesetti, che possono essere usati come una ruota per addominali. Oltre alla versione basic è possibile trovare anche quella con elastici che permettono di connettere il movimento delle braccia e delle spalle con i muscoli delle gambe, rendendo il lavoro ancora più intenso.

Il rullo per addominali: quanto costa e dove comprarlo

Le ruote per addominali hanno un prezzo molto variabile a seconda del marchio e del brand come sempre e dei materiali e della tecnologia. Le più economiche costano meno di 6€ mentre le più care vanno addirittura a sfiorare i 60€.
Tutti i negozi sportivi dovrebbero essere muniti di queste ruote quindi la reperibilità dello strumento è molto semplice.

La regola principale però rimane sempre la stessa: allenarsi sempre, non solo per poter sfoggiare un corpo muscoloso sulle spiagge, ma soprattutto per tenersi in forma. Il corpo si ricorda dell’attività fisica e anche la mente. Come si dice : “Mente sana, in corpo sano“.

Buon allenamento e la prima regola come in tutto nella vita è: DIVERTIRSI.

 

 

 

 

 

Federica Giuliano

Laureata in Scienze della Moda e del Costume alla Sapienza ed esperta nel settore fashion. Ha perfezionato i suoi studi in Web Marketing e Social-media marketing. Oggi Editor presso vari portali online

Articoli correlati