Dieta

Quinoa: Proprietà e benefici

Tutto ciò da sapere riguardo lo 'pseudo cereale' dalle innumerevoli proprietà

La Quinoa è una pianta erbacea appartenente alla famiglia delle ‘Chenopidacee’, originaria dell’America centro meridionale; era un alimento preziosissimo per gli Inca che la consideravano sacra, tanto da chiamarla ‘madre di tutti i semi‘ o ‘oro degli Inca‘. Priva di glutine, è invece ricca di proteine, carboidrati e fibre. La quinoa in realtà viene considerata come uno ‘pseudo cereale’, sia per il suo aspetto che per l’alto contenuto di amido e, soprattutto, è totalmente priva di glutine, per cui è fortemente indicata in caso di celiachia.

Composta per il 60% da carboidrati complessi a basso indice glicemico che aiutano a contenere i livelli di zuccheri nel sangue e a tenere a bada la fame, la quinoa possiede un potere saziante che la rende quasi perfetta e ideale per le diete ipocaloriche; le proteine presenti, circa il 14%, sono di elevato valore biologico in quanto contengono diversi aminoacidi essenziali (quali lisina e metionina), mentre i grassi, 6% circa, sono anch’esse di elevato valore biologico, essendo composti da acidi grassi polinsaturi (il linoleico soprattutto), importanti fattori protettivi verso le malattie cardiovascolari.

Benefici e Proprietà

  • Effetti sul peso corporeo: la quinoa ha un elevato contenuto di quercetina, composto antiossidante della famiglia dei flavonoidi; questo composto è in grado di aumentare il consumo energetico delle cellule muscolari, per questo motivo la quercetina può fornire un aiuto nel combattere il peso in eccesso aumentando così la spesa energetica dell’organismo. La quinoa favorisce anche l’aumento del metabolismo basale e la presenza di grassi insaturi previene la formazione di accumuli di grasso su fianchi e pancia in particolare.
  • Proprietà antinfiammatorie: tra i benefici della quinoa vi sono anche effetti antinfiammatori, in particolare, grazie al suo contenuto di antiossidanti e anti infiammatori, la quinoa è un alimento utile a prevenire varie patologie di tipo infiammatorio; anche qui la quercetina, sarebbe in grado di ridurre la sintesi di molecole infiammatorie.
  • Proprietà antitumorali e antiossidanti: la presenza di flavonoidi e carotenoidi conferisce alla quinoa un’azione anticancro provata a livello scientifico; allo stesso tempo sono presenti sostanze antiossidanti capaci di combattere la comparsa di radicali liberi, contrastando quindi l’invecchiamento cellulare e diminuendo così il rischio di cancro.
  • Combatte il mal di testa: al suo interno la quinoa contiene sostanze come la riblofavina, che previene mal di testa ed emicrania.
  • Proprietà lassative: l’elevata quantità di fibre che contiene la quinoa migliora il funzionamento e il transito intestinale, contrastando la costipazione e prevenendo anche l’insorgenza di emorroidi.
  • Proprietà per il cuore: gli acidi grassi polinsaturi proteggono il cuore e tutto l’apparato cardiocircolatorio; la presenza della metionina consente inoltre di svolgere un’azione lipolitica sul fegato e verso i grassi che aderiscono alle arterie, apportando quindi notevoli benefici per la salute del cuore.
  • Utile contro il diabete: sono ancora una volta le fibre che conferiscono a questo alimento un indice glicemico abbastanza basso; questo vuol dire che la quinoa è consigliata anche a chi possiede problemi di diabete o di insulino-resistenza in quanto aiuta a tenere sotto controllo i livelli di zucchero e di insulina presenti nel sangue.

Dove si compra? Dove si coltiva?

La quinoa è coltivata da oltre 5000 anni, tra circa i 2000 e 4000 metri di altitudine, essendo perciò difficile coltivarla in casa; il suo successo l’ha resa di dominio pubblico, infatti è facile invece acquistarla: sotto forma di semi o farina, nei supermercati, in erboristeria, in negozi di prodotti biologici e anche online.

Considerazioni finali

La quinoa contiene però diversi ossalati che riducono l’assorbimento del calcio, causando dei problemi a chi soffre di calcoli renali; inoltre devono fare attenzione anche i soggetti allergici in quanto si possono verificare intolleranze. Quindi è bene lasciarla in ammollo e sciacquare sempre la quinoa per bene prima della cottura, liberandola così dalle saponine, sostanze tossiche per l’organismo.

Marco Votano

Mi chiamo Marco, 21 anni, residente a Roma. Da sempre appassionato e immerso nel mondo fitness e tutto il sano stile di vita che ne deriva, creo articoli per aiutare chi trova difficoltà lungo il cammino della sana alimentazione e cura del proprio corpo.

Articoli correlati