Bellezza

Cosa fare con i capelli secchi e sfibrati

Riconoscerli, trattarli, ma soprattutto prevenirli con i giusti rimedi della nonna e non.

I capelli rovinati si riconoscono immediatamente, sono spenti, secchi al tatto, difficili da pettinare e pieni di doppie punte; spesso la prima reazione che abbiamo è quella di accorciarli, ma senza i trattamenti adeguati il problema presto o tardi si ripresenterà. Le cause di questo indebolimento, anche strutturale, sono molteplici e non sempre colpa nostra. Errato utilizzo di phon e piastre, tinte e prodotti aggressivi, eccessiva esposizione a vento e sole, persino l’alimentazione e l’aria insalubre condizionano l’aspetto e la salute del capello; quindi quali rimedi possiamo adottare e quali accorgimenti giornalieri imparare per avere capelli più luminosi e forti?

Esposizione ad agenti esterni

Se il danno dipende da un’azione esterna è necessario che interrompiate momentaneamente quell’azione e che concediate al capello un tempo di riposo; se li esponete eccessivamente all’azione solare dovreste indossare un cappello, nel caso invece dell’applicazione di una tinta parlatene con un parrucchiere e valutate con lui la soluzione migliore. E gli agenti interni? Nel caso non fosse esterna la causa è bene consultare il proprio medico, non dimentichiamoci che i capelli secchi e sfibrati sono indicatori anche di uno squilibrio metabolico o ormonale.

Coccolare il capello

Il capello va trattato con dolcezza sin dal lavaggio, massaggiate la cute con movimenti circolari e utilizzate i prodotti giusti e adatti alle vostre caratteristiche; se potete non fate lo shampoo più di due volte a settimana perchè anche i prodotti più delicati con l’utilizzo eccessivo possono indebolire il capello. Premiato l’utilizzo del balsamo e delle maschere; ormai ne esistono di tutti i tipi e gli utilizzi, l’importante è non esagerare e scegliere le formule giuste.

Una carezza in un pugno

Il phon, se proprio non se ne può fare a meno, va utilizzato con rispetto per la cute: mai troppo vicino alla radice e mai troppo diretto, il calore deve essere uniforme e non localizzato, immaginate di riscaldare i capelli e non di asciugarli. Se possibile è meglio utilizzare un phon con tecnologia a ioni che non danneggiano in maniera eccessiva il cuoio capelluto.

I rimedi della nonna

Più che della nonna è meglio dire naturali, oppure homemade; le maschere per esempio possono essere realizzate anche in casa, con ingredienti che sono di uso comune e di facile reperibilità.

I semi di lino sono ottimi per curare i capelli particolarmente aridi, se lasciati in soluzione di acqua per una notte rilasciano un gel ricco di nutrienti utilissimi per un impacco, mentre il burro di karitè aiuta a riparare il capello in profondità, l’aloe vera ha un potere nutritivo ed idratante e l’aceto di mele contribuisce a forza e robustezza di capelli sfibrati. Uovo aceto e olio, insomma la maionese, idratano e fortificano la chioma e se volete riacquistare lucentezza utilizzato l’avocado che con le sue vitamine è un toccasana per risolvere il problema.

E contro la forfora?

La maggior parte dei prodotti contro la forfora contengono ortica, bardana, rosmarino e salvia; anche eucalipto limone e olio essenizale di tea tree giovano al problema ma in questo caso evitate l’aceto di mele.

Mostra altro

Federica Benedetti

Digital designer and brand curator con la passione per storia, funzionamento e riproduzione (a mano libera, su carta e in digitale) di tutto ciò che osservo. Prediligo il lavoro in team e sono sempre bendisposta al confronto di idee dal quale traggo ispirazione e insegnamento. Ho lavorato e lavoro da anni a contatto con il pubblico e mi auguro di poter continuare a comunicare agli altri le mie idee, non solo a parole ma con l’illustrazione, la fotomanipolazione, la post-produzione e tutte le tecniche rappresentative che approfondirò. Vorrei anche essere un ingegnere, ma questa è un'altra bio.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *