Carboidrati e grassi nello stesso pasto: effetti sulla composizione corporea

Scritto da Lorenzo Pansini Venerdì, 26 Giugno 2015. Postato in Alimentazione & Nutrizione, Allenamento

Basi fisiologiche e conseguenze a lungo termine

Carboidrati e grassi nello stesso pasto: effetti sulla composizione corporea

Nell'ambito delle diete per il dimagrimento e la composizione corporea è da tempo diffusa un'ipotesi che riconoscerebbe come l'associazione tra carboidrati e grassi nello stesso pasto possa portare ad un accumulo di grasso superiore, o a un dimagrimento inferiore, rispetto all'assunzione degli stessi nutrienti in pasti separati. Alcuni Autori e diete popolari hanno proposto infatti la dissociazione tra i due macronutrienti con l'idea che questa strategia possa incidere più favorevolmente sulle variazioni della massa grassa. In questo articolo verranno esaminate le basi teoriche dietro a questo concetto e le evidenze scientifiche che hanno analizzato il fenomeno per verificarne il fondamento.

La dieta chetogenica vegana, vegetariana e mediterranea

Scritto da Vincenzo Tortora Martedì, 23 Giugno 2015. Postato in Alimentazione & Nutrizione

Approcci chetogenici funzionali e innovativi

La dieta chetogenica vegana, vegetariana e mediterranea

La reazione comune quando si parla di dieta chetogenica è spesso “Fa male/è pericolosa/acidifica” o altre fandonie simili. Le verità sulla dieta chetogenica sono già state espresse diverse volte nonché racchiuse in due pratici ebook che ne descrivono peculiarità e metodi di applicazione, per cui qui non mi ripeterò.

L’unica cosa che mi preme far notare è che questo particolare tipo di dieta, nato per uno scopo molto più nobile di quello per cui ora è (in malo modo) utilizzato, è ancora descritto in maniera del tutto erronea sul web, come discusso nell’articolo “La morte della dieta chetogenica”.

Full Diet Break e Reverse Dieting: la dieta "inversa"

Scritto da Lorenzo Pansini Lunedì, 15 Giugno 2015. Postato in Dimagrimento

Un valido aiuto per perpetuare i progressi

Full Diet Break e Reverse Dieting: la dieta

Il Full Diet Break, tradotto come piena interruzione della dieta, è un concetto introdotto da Lyle McDonald nel 2005 all'interno dei suoi volumi A Guide to Flexible Dieting e The Rapid Fat Loss Handbook (1, 2). Il Full Diet Break (FDB) rappresenta, come il termine suggerisce, l'interruzione a breve termine di un programma alimentare ipocalorico mirato a ridurre il grasso corporeo, una strategia prevista all'interno di alcuni programmi dietetici descritti dall'autore.

"Ciò che prima era visto come negativo, come un fallimento della volontà, ora diventa positivo, come una parte della struttura della dieta in grado di farla funzionare al meglio sul lungo termine" (Lyle McDonald – 2).

Intermittent Fasting: tipologie e modalità - parte 2

Scritto da Lorenzo Pansini Venerdì, 29 Maggio 2015. Postato in Alimentazione & Nutrizione

Tutti i tipi di digiuno intermittente

Intermittent Fasting: tipologie e modalità - parte 2

Nella prima parte sono state analizzate le varie principali tipologie di digiuno intermittente testate nella Ricerca. Le due grandi categorie da tempo testate in ambito sperimentale sono il Time-Restricted Feeding (TRF) e l'Intermittent Calorie Restriction (ICR): la prima si contraddistingue dall'alternanza quotidiana tra fasi di digiuno e di alimentazione all'interno delle 24 ore (fasting/feeding window), la seconda propone questa alternanza all'interno dei 7 giorni, imponendo 24 o più ore di digiuno totale/semi-digiuno e 24 o più ore di alimentazione libera (fast day/feast day). Del ICR e TRF sono poi state proposte, solo negli ultimi anni, delle varianti o dei semplici riadattamenti per il pubblico che verranno esaminate in questa seconda parte.

Non siamo geneticamente programmati per ingrassare…

Scritto da Vincenzo Tortora Venerdì, 22 Maggio 2015. Postato in Alimentazione & Nutrizione

…ma per sopravvivere!

Non siamo geneticamente programmati per ingrassare…

Questo articolo costituisce la parte conclusiva della lunga serie "Perché abbiamo più fame di quella che vorremmo avere?". Il cambiamento del titolo sarà subito chiaro.

Nell'immaginario collettivo si pensa che perdere peso sia difficile, per lo meno da un certo punto in poi, perché il nostro corpo è "fatto per accumulare grasso". Ma non è così. Il nostro copro non è programmato per farci ingrassare, e partendo dalla neurobiologia che regola i meccanismi della fame e della sazietà capiremo il perché.

L'importanza della massa muscolare nel dimagrimento

Scritto da Vincenzo Tortora Martedì, 12 Maggio 2015. Postato in Miti & Realtà

Il dispendio calorico organo specifico

Domanda & Risposta

DÈ vero che aumentare la massa muscolare permette un dispendio calorico molto più elevato e dunque benefici per la perdita di peso?

R. Checché sia importante l'aumento o, meglio, il mantenimento della massa muscolare quando si cerca di dimagrire (che è diverso da "perdere peso", come sottolineato in questo articolo), l'obbiettivo primario non è il maggior dispendio calorico.

Intermittent Fasting: tipologie e modalità - parte 1

Scritto da Lorenzo Pansini Lunedì, 11 Maggio 2015. Postato in Alimentazione & Nutrizione

Tutti i tipi di digiuno intermittente

Intermittent Fasting: tipologie e modalità - parte 1

Il digiuno intermittente (IF, intermittent fasting) è un termine generico riferito a un'ampia categoria di protocolli alimentari dove viene previsto un periodo di digiuno totale o di semi-digiuno (forte restrizione calorica) a breve termine, in maniera più o meno frequente e per un tempo più o meno lungo.

Proprio perché un termine estremamente generico, possono insorgere delle difficoltà a riconoscere e inquadrare un modello di questo tipo. I regimi di digiuno intermittente iniziarono ad essere testati nella Ricerca già dalla fine del 1800 (1), anche se gran parte degli studi iniziarono ad essere condotti su animali tra gli anni 1910 e gli anni 1930.

Le donne e l’allenamento: Pesi vs Cardio

Scritto da Michele Fresiello Martedì, 28 Aprile 2015. Postato in Dimagrimento

Racconti di Aerobica, Cellulite e altre storie

Le donne e l’allenamento: Pesi vs Cardio

Mi ritrovo a scrivere questo breve articolo perché le esperienze di vita danno l'opportunità di osservare comportamenti dilaganti, che però sì basano sul passaparola, abitudini inveterate, senza il minimo approccio scientifico e metodologico al caso. Qui non parliamo di contesti agonistici o di amatori di alto livello: mi riferisco allo stretto indispensabile che una persona che si allena (o che allena gli altri) dovrebbe sapere prima di intraprendere un percorso di benessere fisico.

Fisiologia dell’esercizio e regolazione molecolare dell’adattamento del muscolo scheletrico - parte 4

Scritto da Marco Testa Giovedì, 23 Aprile 2015. Postato in Scienza & Ricerca

Regolazione muscolare indotta dall'esercizio di endurance

Fisiologia dell’esercizio e regolazione molecolare dell’adattamento del muscolo scheletrico - parte 4

Nella parte 1 di questo articolo sono state poste le basi per comprendere gli adattamenti indotti dall'esercizio fisico sul muscolo scheletrico; nella parte 2 sono state invece trattate le diverse tipologie di esercizio (modulo 3) e l'utilizzo dei substrati durante e dopo l'esercizio (modulo 4), mentre nella parte 3 abbiamo visto i meccanismi di trasduzione del segnale indotti dalla contrazione. In questa penultima parte proseguirà l'analisi della review "Exercise metabolism and the molecular regulation of skeletal muscle adaptation".

Perché abbiamo più fame di quella che vorremmo avere? - parte 5

Scritto da Vincenzo Tortora Venerdì, 17 Aprile 2015. Postato in Alimentazione & Nutrizione

Si può fregare la saziazione ma non la sazietà

Perché abbiamo più fame di quella che vorremmo avere? - parte 5

Questa lunga serie di articoli ci sta facendo comprendere man mano tutti i meccanismi coinvolti nella regolazione del nostro comportamento alimentare. In questa quinta parte descriveremo un po' più approfonditamente la saziazione e come i suoi "errori" ci guidino verso scelte alimentari non idonee.

Saziazione vs sazietà, saziato vs sazio

Nel vocabolario italiano, la parola "saziazione" non esiste (ancora), di fatti scrivendo su Google nei primi risultati escono fuori i nostri articoli relativi ad essa. Ancora più "strana" e cacofonica è la parola "saziato", utilizzata come aggettivo relativo alla saziazione. In qualche modo la distinzione va fatta, perché come abbiamo imparato le due cose sono diverse.

Molto interessante anche io ho sperimentato su di me gli stessi effetti descritti in questo ottimo articolo

Marcello Busca Marcello Busca 30. Giugno, 2015 |

Articoli molto interessanti...Ho però un dubbio: ho letto anche altri articoli sul digiuno intermittente (articoli non relativi alle...

Giovanni Giovanni 16. Giugno, 2015 |

Premetto che l'articolo mi è piaciuto molto e, tutto sommato, ne condivido anche le conclusioni. Non ritengo un buon metodo conteggiare...

Federico Saccani Federico Saccani 13. Maggio, 2015 |

Grazie del commento, Saul, apprezzo molto. ;)

Vincenzo Tortora Vincenzo Tortora 06. Maggio, 2015 |

News

Seguici sulla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato: Vivereinforma