Perché mangiamo più di quanto abbiamo bisogno? Considerazioni generali - parte 1

Scritto da Vincenzo Tortora Lunedì, 01 Settembre 2014. Postato in Alimentazione & Nutrizione

Ambiente, dopamina e selezione dei comportamenti

Perché mangiamo più di quanto abbiamo bisogno? Considerazioni generali - parte 1

Introduco qui una serie di articoli che vogliono mettere insieme tutti i pezzi che nel corso del tempo ho accumulato circa la neurobiologia del controllo (o meglio, "discontrollo") alimentare. Dalle considerazioni generali si andrà via via nei particolari neurobiologici che porranno le basi per rispondere a una domanda sostanzialmente banale, ma profondamente complessa: perché abbiamo fame? Conseguenza di questa domanda è, al giorno d'oggi, un'altra domanda: perché mangiamo più di quanto abbiamo bisogno?

Fatta questa premessa, avverto i lettori che l'argomento è di per sé complesso, i tecnicismi sono non solo necessari, ma quasi obbligatori.

Fisiologia dell’esercizio e regolazione molecolare dell’adattamento del muscolo scheletrico - parte 2

Scritto da Marco Testa Mercoledì, 27 Agosto 2014. Postato in Scienza & Ricerca

I vari tipi di esercizio fisico e i loro effetti sul muscolo scheletrico

Fisiologia dell’esercizio e regolazione molecolare dell’adattamento del muscolo scheletrico - parte 2

Nella parte 1 dell'articolo sono state descritte le basi molecolari degli adattamenti del muscolo all'esercizio (modulo 1) e la biologia e il metabolismo del muscolo scheletrico durante l'attività (modulo 2). In questa seconda parte si continuerà con la descrizione dei moduli, ricordando che l'articolo costituisce un sommario con relativi commenti della bella review "Exercise metabolism and the molecular regulation of skeletal muscle adaptation".

Modulo 3. Tipologia di esercizio

L' esercizio è potenzialmente un disturbo all'omeostasi prodotto dall'attività muscolare; quest'ultima può essere concentrica, isometrica o eccentrica, o una combinazione delle due.

Una panoramica su catabolismo, allenamento e nutrizione

Scritto da Lorenzo Pansini Lunedì, 25 Agosto 2014. Postato in Alimentazione & Nutrizione

Cosa succede al muscolo scheletrico durante l’esercizio fisico

Una panoramica su catabolismo, allenamento e nutrizione

Una delle principali preoccupazioni di chi si allena con i pesi è il catabolismo proteico del muscolo scheletrico, processo che può essere denominato alternativamente come proteolisi muscolare. Questo articolo intenderà chiarire gli aspetti controversi, le verità e i falsi miti che ruotano attorno a questo evento metabolico durante la sessione di allenamento con i pesi.

Cenni generali

Il catabolismo proteico muscolare netto (NMPB, net muscle protein breakdown), o proteolisi muscolare netta, è un processo che fa riferimento al decremento del tessuto muscolare.

I meccanismi di dipendenza da cibo

Scritto da Sara Del Papa Giovedì, 21 Agosto 2014. Postato in Alimentazione & Nutrizione, Mente & Psiche

Basi per una migliore comprensione dei motivi per cui mangiamo troppo

I meccanismi di dipendenza da cibo

La dipendenza è l'alterazione del comportamento che da semplice o comune abitudine diventa una ricerca esagerata e patologica del piacere attraverso mezzi o sostanze o comportamenti che sfociano nella condizione patologica, ossia perdita di capacità di un controllo sull’abitudine. Cos'è che ci spinge a diventare dipendenti?

Durante la sua evoluzione, da sempre l’uomo ha assunto sostanze in grado di causare dipendenza, presenti nei cibi. La dipendenza da cibo è una dipendenza basata su un meccanismo neurofisiologico comune anche a quello delle sostanze d’abuso, come trattato nell’articolo "Come la dipendenza da sostanze può aiutarci a comprendere l’obesità".

Perché il grasso ostinato è così ostinato e come fare per combatterlo - parte 2

Scritto da Lorenzo Pansini Mercoledì, 06 Agosto 2014. Postato in Dimagrimento

Il cruccio di ogni “dieter”

Perché il grasso ostinato è così ostinato e come fare per combatterlo - parte 2

Nella prima parte sono stati approfonditi i meccanismi generali che regolano i processi di accumulo adiposo regionale. È stato riconosciuto che, in entrambi i sessi, i depositi di grasso distribuiti nelle parti superiori del corpo sono più sensibili ai processi di mobilizzazione (lipolisi) rispetto ai depositi localizzati nelle parti inferiori. Poiché nel sesso maschile è più frequente e accentuato l'accumulo adiposo nelle parti superiori del corpo (fenotipo androide) piuttosto che in quelle inferiori, è molto più facile per questi soggetti riuscire a ridurre il grasso nelle aree più predisposte al deposito.

Nel sesso femminile, al contrario, l'accumulo adiposo prevale più frequentemente nelle zone inferiori del corpo (fenotipo ginoide), ed essendo tali aree molto molto meno sensibili ai processi di mobilizzazione, è più difficile per questi soggetti ridurre l'adipe nelle aree predisposte.

Fisiologia dell’esercizio e regolazione molecolare dell’adattamento del muscolo scheletrico - parte 1

Scritto da Marco Testa Domenica, 03 Agosto 2014. Postato in Scienza & Ricerca

Meccanismi alla base della riparazione, crescita e aumento della forza muscolari

Fisiologia dell’esercizio e regolazione molecolare dell’adattamento del muscolo scheletrico - parte 1

L’articolo costituisce un riassunto, con brevi commenti ove necessario, della splendida review di Egan e Zierath, pubblicata nel Febbraio dello scorso anno su Cell Metabolism.

Abstract

Egan B, Zierath JR. “Exercise metabolism and the molecular regulation of skeletal muscle adaptation.” Cell Metabolism. Feb, 2013.

“Il mantenimento della capacità aerobica e della forza dei muscoli scheletrici attraverso l’allenamento fisico può migliorare le problematiche metaboliche e prevenire malattie croniche. Questi benefici sono in parte mediati da un ampio rimodellamento metabolico e molecolare del muscolo scheletrico, indotto dall'esercizio. L’esercizio aerobico e quello contro resistenza [n.d.t. anerobico, con i pesi] rappresentano i due estremi di un un continuum, e generano riposte allenanti marcatamente diverse, che sono mediate da una complessa interazione tra i meccanismi associati alla cascata di regolatore della trascrizione e della traduzione.

Perché il grasso ostinato è così ostinato e come fare per combatterlo - parte 1

Scritto da Lorenzo Pansini Mercoledì, 30 Luglio 2014. Postato in Dimagrimento

Il cruccio di ogni "dieter"

Perché il grasso ostinato è così ostinato e come fare per combatterlo - parte 1

La riduzione del grasso corporeo è un obiettivo comune a molte persone, ma per quanto possa risultare facile intaccare alcune zone corporee, altre sono molto più resistenti al processo di dimagrimento. Per questo motivo, durante la perdita di grasso alcune parti potrebbero rimanere immutate o ridursi sensibilmente meno di altre. In questo primo capitolo verranno racchiusi i principi fisiologici generali che caratterizzano il grasso ostinato, in modo da poter porre le basi per approfondire, nei capitoli successivi, i metodi per intaccarlo tramite la dieta e l'allenamento.

Sesso, fenotipi e distribuzione del grasso corporeo

Le differenti distribuzioni di grasso generalmente differiscono tra maschi e femmine, come brevemente spiegato nell’articolo “Come accumuliamo grasso – parte 1”.

Cissus quadrangularis e lupeolo: è interessante solo il nome oppure serve a qualcosa?

Scritto da Manuel Salvadori Mercoledì, 30 Luglio 2014. Postato in Integrazione & Supplementazione

Un valido aiuto per il recupero dagli infortuni

Cissus quadrangularis e lupeolo: è interessante solo il nome oppure serve a qualcosa?

Introduzione

Innanzitutto, procederei con una piccolissima introduzione. Un articolo sulla supplementazione e sugli infortuni, per quale motivo dovrebbe/potrebbe essere interessante? Qual è il reale effetto dell’alimentazione sul recupero degli infortuni?

Dunque iniziamo col dire che non si guarisce dagli infortuni con la sola alimentazione, ma che essa può essere un ottimo aiuto per una velocizzazione del processo, nella quasi totalità dei casi. Tralasciando il discorso che un corpo ben alimentato funziona meglio e che quindi un funzionamento migliore stimola la guarigione in maniera più efficiente, esistono delle piccole accortezze alimentari che – qualora rispettate – possono decisamente migliorare la prognosi.

Il marketing degli alimenti vuole farci necessariamente ingrassare? Revisione e soluzioni - parte 3

Scritto da Vincenzo Tortora Lunedì, 28 Luglio 2014. Postato in Scienza & Ricerca

Comprendere il “food marketing” per una maggiore consapevolezza alimentare

Il marketing degli alimenti vuole farci necessariamente ingrassare? Revisione e soluzioni - parte 3

Nella prima e seconda parte della serie, che rappresenta una revisione con relativi (pochi e brevi) commenti dell’articolo “Does food marketing need to make us fat? A review and solutions”, è stato discusso di come i prezzi, la qualità e le porzioni degli alimenti vengono modificati dai food marketers per indurci a comprare di più. In questa terza ed ultima parte verrà affrontato il discorso “ambiente”, inteso come modifica delle circostanze psicosociali ed economiche, che influiscono sul nostro modo di comprare e consumare determinati alimenti.

Ambiente: come il marketing cambia l’ambiente per stimolare l’introito alimentare

“Come il cibo non è solo nutrimento, così mangiare non è solo alimentarsi”. Questo è l’incipit del paragrafo, come presentato dagli Autori Chandon e Wansink.

Contare le calorie... fa ingrassare!

Scritto da Vincenzo Tortora Venerdì, 25 Luglio 2014. Postato in Dimagrimento

Il calcolo calorico non solo è fuorviante, ma peggiorativo

Contare le calorie... fa ingrassare!

Si, ho scritto bene e no, non sono impazzito: contare le calorie… fa ingrassare! Un po’ come l’articolo “L’attività fisica fa ingrassare”, bisogna analizzare il contesto entro cui certe cose vengono dette. Quindi, armatevi di pazienza e buona volontà prima di additarmi come pazzo schizoide che dice cose senza senso.

Perché questo articolo?

La faccio breve: come scritto tempo fa in “Siamo uomini o maccheroni?” , c’è qualcosa nella Dietetica che deve cambiare; a parer mio sarebbe necessaria una completa destrutturazione di tutto quanto crediamo di conoscere, ma mi accontenterei di pochi semplici passi. Il primo tra questi è il concetto delle “calorie”. Questo articolo, scritto in una serata d’estate poco prima di cena, vuole mettere in discussione alcuni concetti che dovrebbero essere basilari ma che invece non lo sono affatto.

Emerge comunque una controversia in grado di sollevare alcune domande sulle strategie proposte. McDonald e Berkhan sconsigliano entrambi...

Lorenzo Pansini Lorenzo Pansini 01. Settembre, 2014 |

1. Carbone et al. Skeletal muscle responses to negative energy balance: effects of dietary protein. Adv Nutr. 2012 Mar 1;3(2):119-26.
2....

Lorenzo Pansini Lorenzo Pansini 25. Agosto, 2014 |

1. McDonald L. The stubborn fat solution. Lyle McDonald, 2008.
2. Berkhan M. Intermittent fasting and stubborn body fat....

Lorenzo Pansini Lorenzo Pansini 07. Agosto, 2014 |

Semplice: pranzo! :)

Sabato/Domenica li prendo come giorni più "liberi", quel che mi va quando mi va lo mangio.

Festività di...

Vincenzo Tortora Vincenzo Tortora 02. Agosto, 2014 |

News

Seguici sulla nostra pagina Facebook per rimanere sempre aggiornato: Vivereinforma